Alluce rigido

  • Intervento di correzione della articolazione
  • Si esegue in anestesia del piede
  • Buon successo terapeutico
  • Trattamento eseguibile in day hospital

 

L’alluce rigido è una deformità artrosica della articolazione tra 1° metatarso e falange con progressiva riduzione della mobilità della stessa.

Tale condizione più frequente nel sesso femminile è legata ad una alterazione del carico sulla regione plantare con sviluppo di una atrosi da overload (ipercarico). L’evoluzione è progressiva in quanto il dolore determina l’esecuzione di un passo con minimo impegno del I° raggio ed ulteriore rigidità.

L’intervento segue necessariamente un periodo per cui si attua con la terapia medica un tentativo di ridurre flogosi e dolore ma inevitabilmente fallimentare.

L’intervento è teso al ripristino del movimento articolare modificando il profilo della metatarsofalangea e della componente capsulare o con l’impianto di protesi articolari. Si procede determinando una decompressione articolare, rimodellando i becchi artrosici per evitare il conflitto doloroso. Tutto si svolge in anestesia del piede in regime di Day Hospital.

Stessi tempi di recupero della correzione dell’alluce valgo sia nella ripresa funzionale che nel ritorno al quotidiano.